Cerca nel sito
 Home Page  News & Mediacenter  Archivio News  2015  E' Gianluigi Gigli il nuovo presidente del Movimento per la Vita 
E' Gianluigi Gigli il nuovo presidente del Movimento per la Vita   versione testuale
È Gian Luigi Gigli il nuovo presidente del Movimento per la vita. Lo ha nominato il nuovo consiglio direttivo che era a sua volta stato eletto dall’assemblea generale della domenica precedente. Carlo Casini, presidente uscente, che aveva scelto di non ricandidarsi, è stato nominato presidente onorario. 
Ed è proprio con un pensiero di gratitudine che si apre il discorso di insediamento di Gigli: «se, a quarant’anni dalla fondazione, il Movimento per la vita è diventato il grande albero che conosciamo, lo si deve proprio grazie alla lunga e appassionata testimonianza  di Carlo Casini a favore della bellezza e della dignità di ogni vita umana, dal concepimento fino alla morte naturale. Per questo è importante che Carlo si sia reso disponibile a rimanerci accanto. 
«Sono cosciente - ha continuato Gigli - della grave responsabilità affidatami per la guida di un  movimento che ha saputo largamente rinnovare i suoi vertici. Tutti insieme lavoreremo con impegno, anzitutto per estendere l‘opera di prevenzione dell‘aborto e di tutela delle gestanti in difficoltà svolta con grande generosità dai volontari degli oltre 650 Centri di aiuto alla vita, movimenti locali e Case di accoglienza sparse in tutta Italia. Continueremo anche ad animare il dibattito culturale e politico, affinché sia riconosciuto il valore di tutto l‘uomo e di ogni uomo. 
«Siamo convinti, infatti, che il fondamento ineliminabile per la costruzione di una società più giusta sia il rispetto della vita, soprattutto degli esseri umani più deboli e indifesi, come i nascituri, i disabili e gli anziani. 
«Di fronte alle sfide dell’oggi» conclude Gigli «il Movimento per la vita saprà rinnovare e rafforzare il suo quotidiano impegno nelle periferie di una società in cui sembra prevalere la 'cultura dello scarto', assicurando una presenza operosa, che è diventata insieme più difficile e proprio per questo più necessaria».Al fianco del presidente Gigli sono stati nominati il vicepresidente vicario, Pino Morandini ed altri quattro vicepresidenti (Roberto Bennati, Marina Casini, Giuseppe Grande, Bruna Rigoni). Completano la Giunta esecutiva Tony Persico ed Alberto Tibaudi.
Come tesoriere è stato confermato Remo Cavicchini. Alla segretaria generale è stata chiamata Paola Musso.