chiara e madre teresa

 

 


 

le parole di Papa Benedetto XVI all'Angelus dell'11 dicembre:

(...) Sono lieto di salutare i rappresentanti del Movimento per la vita di molti Paesi europei, convenuti in occasione del premio per la vita “Madre Teresa di Calcutta” assegnato alla memoria di Chiara Lubich. Cari amici, nell’anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo, ricordiamo che il primo fra tutti i diritti è quello alla vita. Vi auguro ogni bene per la vostra attività (...)

 

Alla memoria di Chiara Lubich, fondatrice del Movimento dei Focolari, è stato assegnato il terzo
premio ’Madre Teresa di Calcutta’, un riconoscimento per non dimenticare chi si è occupato degli uomini piu’ deboli e fragili. Al Campidoglio l’incontro organizzato dal ’Movimento per la vita’ in occasione dell’anniversario della dichiarazione universale dei diritti dell’uomo (sottoscritta il 10 dicembre 1948).
Presenti all’evento, oltre al padrone di casa il sindaco di Roma Gianni Alemanno, Giulio Amato presidente Istituto Enciclopedia Italiana, Antonio Baggio, docente di Filosofia politica; Ennio Antonelli, presidente del Pontificio Consiglio della famiglia; Miklos Soltesz, ministro ungherese per gli Affari sociali e la famiglia;
Marco Tarquinio direttore di Avvenire; Carlo Casini, presidente del ’Movimento per la vita italiano’ e i rappresentanti dei pro life di 15 Paesi europei.

"Un appuntamento importante perche’ coniuga tre punti: il ’Movimento per la vita’ che ha combattutto fondamentali battaglie per difendere il diritto alla vita in ogni sua declinazione con assoluta intransigenza - ha detto Alemanno - e le due figure di Madre Teresa di Calcutta e Chiara Lubich che hanno cercato di dare
posizione universale e reale a questo valore. L’impegno di queste due straordinarie donne e’ visto nella capacita’ di non guardare solo al proprio contesto ma di estenderlo all’universale".

A ritirare il premio, riproduzione della statua bronzea che il movimento per la vita italiano dono’ al Consiglio d’Europa all’indomani del crollo del muro di Berlino, Maria Voce che ha raccolto l’eredita’ alla guida del movimento ecclesiale. Chiara Lubich, scomparsa nel 2008, e’ stata impegnata in prima linea nella comunione ecclesiale, nel dialogo interreligioso e con persone di convinzioni non religiose. Insignita di 15 dottorati honoris causa